IL 4' GSA


COMPITI DEL 4' G.S.A. BONDONE 
Il gruppo specialisti artiglieria era l'organo preposto all'organizzazione dell'osservazione e  all'esecuzione delle operazioni riguardanti la preparazione del tiro nell'ambito del Comando Artiglieria da cui dipendeva.

Il reparto provvedeva alle operazioni di preparazione topografica per la manovra del fuoco, alla determinazione dei dati meteorologici, all'organizzazione dell'osservazione sull'intera area d'azione, alla interpretazione delle fotografie aeree, al concorso nella compilazione dei documenti dell'ufficio tiro del Comando Artiglieria.

L'attività del 4° Bondone era pertanto volta a dare assistenza topografica e balistica ai gruppi di artiglieria di supporto del 4° C.A.A. ed a quelli delle Brigate Alpine.

Si ringrazia il forum del sito www.vecio.it


 STANAG 4° Gruppo Spec. Art. Bondone






Che cosa fa(ceva) un GSA
Documento semiserio di un artigliere (poi sergente) che spiega cosa materialmente faceva il GSA. Grazie a Berto del VI/84.


Per il documento word clikka qui. *PRIMA SALVARE IL DOCUMENTO E POI APRIRE*







STORIA DEL GRUPPO SPEC. ARTIGLIERIA

( tratto dal sito del 3° GSA: http://www.mclink.it/personal/MH4934/PAG_1.htm )


Le origini del 3° Gruppo Specialisti Artiglieria "Bondone" sono relativamente recenti. Risalgono infatti al 1 Marzo 1956 allorchè in Trento, nella Caserma G. Pizzolato, il 9° Reggimento Artiglieria Pesante costituiva nel suo ambito un "IV Reparto Specialisti di Corpo d'Armata". Tale reparto nei mesi successivi veniva progressivamente potenziato di uomini e di mezzi finchè il 1 Gennaio 1958 diventava autonomo assumendo la denominazione di "IV Gruppo Specialisti Artiglieria di Corpo di Armata". Con la ristrutturazione del 1973, il IV Gruppo Specialisti si trasferiva nella Caserma D. Chiesa, sempre nell'ambito della sede di Trento. Il 30 Settembre del 1975 a seguito dell'alpinizzazione di tutti i supporti del 4° Corpo d'Armata, indossava il copricapo delle truppe Alpine, assumeva la denominazione di 4° Gruppo Spec. Artiglieria "Bondone" ma soprattutto riceveva la Bandiera di Combattimento del 3° Reggimento Artiglieria Pesante campale di Pisa, ereditandone nel contempo le gloriose tradizioni. Il 1 Novembre 1986, infine, il Gruppo cambia nuovamente sede e ritorna nella Caserma G. Pizzolato che lo aveva visto nascere, con l'attuale denominazione di "3° Gruppo Specialisti di Artiglieria di Corpo d'Armata".




------------------------------

Dal sito www.vecio.it LINK (che si ringrazia)

3° Reggimento Artiglieria Pesante Campale
(3° Gruppo Specialisti d'Artiglieria Bondone)


Tra il 1919 e il 1920 viene costituito a Cremona il 4° Reggimento Artiglieria Pesante Campale articolato su tre Gruppi cannoni e un Gruppo obici equipaggiati rispettivamente con i 105/28 e con i 149/19.
Dal 1° novembre 1926 il reparto assume la denominazione di 3° Reggimento Artiglieria Pesante Campale con il I e II Gruppo da 105/28 e il III e IV Gruppo da 149/19.
Il 1 Ottobre 1934 diviene 3° Reggimento Artiglieria di Corpo d'Armata, nel 1935 cede il II Gruppo al 3° Reggimento Artiglieria Celere P.A.D.A. e ne costituisce uno nuovo in sostituzione. Nel mese di luglio costituisce il V Gruppo da 105/28 ed il VI Gruppo da 149/13. Ulteriori variazioni avvengono nel 1936 con lo scioglimento del II, V e VI Gruppo e nel 1937 anche il IV Gruppo per il rientro del Gruppo ceduto al 3° Celere.
Nel 1939 dal suo deposito vengono costituiti il 131° e 133° Reggimento Artiglieria per Divisioni Corazzate. Durante il secondo conflitto il deposito del reggimento costituisce i seguenti reparti:
- 3° e 30° Raggruppamento Artiglieria di Corpo d'Armata
- VII, VIII, XXIX e XLIII Gruppi cannoni da 105/28 e LX da 105/32
- CVII e CVIII Gruppi obici da 149/13 e CXLIII da 149/12
- XIII Gruppo Complementi da 149/13
- 3° reparto specialisti di Corpo d'Armata e molte batterie delle singole specialità
L'8 settembre 1943 il deposito viene sciolto.
Il 3° Raggruppamento Artiglieria di Corpo d'Armata su comando, reparto comando, VII e VIII Gruppo da 105/28, CVII e CVIII Gruppi da 149/13, 3° reparto specialisti di Corpo d'Armata, è sciolto in territorio Greco a seguito dell'armistizio dell'8 settembre 1943. Il VII Gruppo dislocato nell'Isola di Cefalonia partecipa alla resistenza contro le truppe Tedesche, al Comandante del Gruppo Maggiore Armando Pica ed al Capitano Antonio Valgoi viene concessa la Medaglia d'Oro al Valor Militare alla memoria.
Il 30° Raggruppamento Artiglieria di Corpo d'Armata su comando, reparto comando, LX, LXI e LXII Gruppo da 105/32 nel luglio del 1942 viene inviato in Russia con il C.S.I.R., dove viene decorato con una Medaglia d'Oro al Valor Militare, una Medaglia d'Argento al Valor Militare e una Croce di Guerra al Valor Militare. I resti del Raggruppamento rientrarono in Italia nel marzo 1943.
Il 15 agosto 1949 viene ricostituito a Padova il 3° reggimento Artiglieria Pesante Campale con il comando, reparto comando, XI Gruppo da 149/19, XXI Gruppo da 140/30 che assumono la denominazione di I e II Gruppo, il 1° marzo 1953 viene costituito anche il III Gruppo da 140/30. Il 12 ottobre 1955 il reparto viene trasformato in 3° Reggimento Artiglieria Pesante.
Il 1° settembre 1961 per trasformazione del 3° Reggimento Artiglieria Contraerei si ricostituisce il 3° Reggimento Artiglieria Pesante Campale su comando, reparto comando, I Gruppo da 155/23, II Gruppo da 88/27 e il III Gruppo da 90/50, nel 1963 il II Gruppo passa al 14 Reggimento Artiglieria Campale mentre il III Gruppo viene sciolto. Il Reggimento viene riconfigurato su I, II, III e IV Gruppo da 155/23 T.M.
Nel 1973 il III Gruppo viene posto in posizione quadro, stessa sorte al IV Gruppo nel 1974. Il 30 settembre 1975 il Reggimento viene sciolto e la Bandiera di guerra e le tradizioni passano al 4° Gruppo Specialisti d'Artiglieria Bondone.
Nel 1956 a Trento si costituisce il IV Reparto Specialisti d'Artiglieria di Corpo d'Armata, dal 1° giugno 1958 diviene IV Gruppo Specialisti d'Artiglieria di Corpo d'Armata su comando, reparto comando e tre batterie acquisizioni obiettivi. Il 30 settembre 1975 assume la denominazione di 4° Gruppo Specialisti d'Artiglieria Bondone e il 1° novembre 1986 nuovamente muta denominazione in 3° Gruppo Specialisti d'Artiglieria Bondone. Il Gruppo ha il compito di fornire appoggio meteobalistico ai Gruppi d'Artiglieria del 4° Corpo d'Armata Alpino, il 4 settembre 1992 il Gruppo viene sciolto.
Festa di corpo: 15 giugno, anniversario della battaglia del Piave (1918).
Motto: Ferro ignique vastare.
Ricompense: Medaglia d'Oro al Valor Militare concessa al 30° Raggruppamento Artiglieria di Corpo d'Armata per i fatti d'arme del Fronte Russo (1942-1943). Medaglia d'Argento al Valor Militare concessa al 30° Raggruppamento Artiglieria di Corpo d'Armata per i fatti d'arme del Fronte Russo ( luglio settembre 1942). Croce di Guerra al Valor Militare concessa al 30° Raggruppamento Artiglieria di Corpo d'Armata per i fatti d'armi del Fronte Russo (1941-1942). Medaglie d'Oro al valor Militare: Maggiore Armando Picca (3°rgpt.) Cefalonia 8-22 settembre 1943
Capitano Antonio Valgoi (3° rgpt.) Cefalonia 22 settembre 1943
Sottotenente Mario Flores (deposito rgt.) Cremona 9 settembre 1943
Capitano Aldo Pescatori (30° rgpt.) Fronte Russo 2-19 dicembre e 21-22 dic. 1942
Sottotenente Enrico Zanotti (30° rgpt.) Fronte Russo 4-7 gennaio 1943
Sergente Giulio Braida (30°rgpt.) Fronte Russo 2 dicembre 1942-15 gennaio 1943

Comandanti del 4° Reggimento Artiglieria Pesante Campale: Col. Paolo Berrino, Italo Ronconi.
Comandanti del 3° Reggimento Artiglieria Pesante Campale: Col. Italo Ronconi, Enrico Monti.
Comandanti del 3° Reggimento Artiglieria di Corpo d'Armata: Col. Carlo Petra di Caccuri, Attilio Lazzarini, Domenico Bonaccorsi.
Comandanti del 3° Raggruppamento Artiglieria di Corpo d'Armata: Col. Pier Battista Salvi, Rocco Forte, Alessandro Amico.
Comandanti del 3° Reggimento Artiglieria Pesante Campale: Col. Umberto Randi, Ezio Capitani, Carlo Verzegnassi, C Michele d'Avossa, Giacomo Lombardo, Nicola de Leo, Giovanni Figliola, Ino Cavani, Franco Liberi, Bruno Bartalucci, Omero Melato, Enzo Battaglia, Athos Natalini, Gennaro Piccolo, Vittorio Emanuele Gatti,Alberto Puri,Augusto Tudone.
Comandanti del 4° Gruppo Specialisti d'Artiglieria Bondone: Ten. Col. Vincenzo Rotondi, Mario Ciutti, Roberto Gregori, Raffaele Civita, Vittorio Dalbagno, Riccardo Cumin, Ennio Testa, Ten. Amleto Siena, Mariano Coccia.
Comandanti del 3° Gruppo Specialisti d'Artiglieria Bondone: Ten. Col. Mariano Coccia, Giorgio Ongaro, Amilcare Cerro, Domenico Natale.
Sedi: 1920-1943 Cremona, 1949-1952 Padova, 1952-1955 Vicenza, 1961-1975 Pisa, 1975-1992 Trento.







COM'E' ORA
Il 4° gruppo specialisti d'artigllieria "BONDONE" e' stato disciolto nel 1992, confluendo nel ricostituito 2° reggimento artiglieria alpina " VICENZA", sempre presso la caserma "Pizzolato" in Trento.
Le tradizioni del gruppo sono state riprese dalla 45° batteria specialisti del gruppo "Vicenza", dove e', tra l'altro, confluito gran parte del personale del servizio permanente effettivo al gruppo "Bondone".

Dalla email del 2003 del DIRETTORE DELL'AGENZIA PUBBLICA INFORMAZIONE E PROMOZIONE RECLUTAMENTI COMANDO RFC - REGIONALE TRENTINO ALTO ADIGE  Caserma G. PIZZOLATO, Via delle Ghiaie 23, 38100 Trento
Ten. Col. Marco PANCIROLI







OPERAZIONE DI SOCCORSO ALLE POPOLAZIONI 
COLPITE DA CALAMITA' NATURALI

Il Gruppo Bondone è intervenuto in soccorso delle popolazioni colpite da calamità naturali, nelle seguenti circostanze:
a) Cedimento della diga di Stava.
Un primo intervento durato quattro giorni, dal 19.7.1985 al 22.7.1985 con due Batterie per il salvataggio delle vite umane ed il recupero delle salme. Successivamente dal 1.8.1985 il Gruppo ha avuto il compito di costituire il Comando dell'intero settore a Daiano per proseguire le attivita' di ricerca delle vittime, la gestione ed i rifornimenti del genio e della protezione civile.
b) Alluvione dle 18.7.1987 della Valtellina.
Il Gruppo è stato interessato nel settore dell'Alta Valtellina dal 27.8.1987 al 24.12.1987 per soccorso alle popolazioni, rimessa in efficenza degli argini del fiume Adda e torrenti confluenti nel suo alveo, e vigilanza dei settori più sensibili.
(testo tratto dal calendario 1990 del 3° GSA)